Questo sito fa parte del NetWork

Meteo Italia nel lungo termine: precoce ondata di FREDDO

Scenari evolutivi per fine mese

POSSIBILE EVOLUZIONE METEO A 15 GIORNI

Osservando le ultimissime proiezioni dei modelli matematici siamo costretti a rivedere, pesantemente, gli scenari meteo climatici dell’ultima settimana di settembre. Ovvio, continueremo a ragionare in termini ipotetici perché tali variazioni – com’è giusto che sia – evidenziano l’estremo dinamicità atmosferica tipica del periodo. Stiamo per passare dall’Estate all’Autunno, anche astronomicamente, ragion per cui i ribaltoni modellistici potrebbero essere sempre dietro l’angolo.

 

Fatto sta che è stato cancellato, senza che ci si possa stupire più di tanto, il colpo di coda dell’Estate. Colpo di coda che in realtà ci sarà in questi prossimi giorni, ma che poi dovrebbe lasciar spazio a nuovi peggioramenti la cui natura andrà valutata e rivisitata cammin facendo.

 

Addirittura c’è chi punta con decisione verso una prima, vera irruzione fredda. Freddo invernale, che potrebbe piombare in Europa qualora dovesse realmente strutturarsi un’ampia Alta Pressione sui settori settentrionali del vecchio continente.

 

Il meteo verso fine settembre

IL METEO A BREVE TERMINE

Dicevamo del colpo di coda dell’Estate. In effetti, come previsto, stiamo registrando un rinforzo dell’Alta Pressione e per gran parte della settimana avremo condizioni di bel tempo. Bel tempo dal sapore estivo, difatti si tratterà del promontorio anticiclonico africano e le temperature riprenderanno rapidamente quota.

 

Farà più caldo al Sud e tra le due Isole Maggiori, laddove le proiezioni termiche ci dicono che le massime potrebbero raggiungere abbastanza agevolmente picchi di 35°C (se non addirittura leggermente superiori).

 

Stavolta però si tratterà di una fiammata transitoria, difatti sul finire della settimana una massa d’aria umida di matrice oceanica dovrebbe riuscire a farsi strada verso est, indebolendo la struttura anticiclonica e rinnovando condizioni d’instabilità atmosferica in varie zone d’Italia.

 

SORPRESE CLAMOROSE?

E’ evidente che qualora dovesse realmente verificarsi l’ondata di freddo ipotizzata dal modello matematico europeo ECMWF (ricordando che si tratta del più affidabile di tutti), si tratterebbe di scenari sorprendenti. Stiamo parlando, infatti, di temperature invernali che potrebbero portare le prime nevicate a bassissima quota in varie zone d’Europa.

 

Ovviamente andrebbero valutati eventuali effetti in Italia, perché non è detto che ci riguardi direttamente. Di certo si potrebbero spalancare le porte a nuova instabilità temporalesca, consistente e diffusa. Anche perché altri modelli matematici lasciano la strada del colpo di coda dell’Estate per riprendere i binari del maltempo. Maltempo che potrebbe essere causato da un pesante affondo depressionario con successivo isolamento di goccia fredda in quota.

IN CONCLUSIONE

Autunno che tra non molto entrerà davvero nel vivo, ma sino a questo punto abbiamo avuto comunque una certa dinamicità atmosferica che promette di non farci mancar nulla neppure nelle prossime settimane.

Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo.

Exit mobile version