Questo sito fa parte del NetWork

Meteo con MALTEMPO. Neve in pianura al Nord Italia. Poi miglioramento. Rischio Freddo acuto in seguito

Possibili novità

Non è escludibile la neve sino a quote pianeggianti al Nord Italia, nella notte tra lunedì e martedì.
Non è escludibile la neve sino a quote pianeggianti al Nord Italia, nella notte tra lunedì e martedì.

PREMESSA

Stiamo andando incontro a un peggioramento del tempo. Le condizioni meteo cambieranno gradualmente nel fine settimana, per poi orientarsi in direzione del maltempo nelle giornate di lunedì e martedì.

 

Transiterà un vortice ciclonico, innescato da un affondo depressionario nord atlantico. Si prospettano piogge localmente intense, ma anche nevicate e localmente a bassissima quota (ad esempio al Nordovest). Dopodiché avremo un miglioramento, dato dal ritorno dell’Alta Pressione. Stavolta si dovrebbe avvalere di un supporto d’aria ancor più mite, con conseguente rialzo delle temperature.

 

I modelli matematici ipotizzano alcune interessanti novità evolutive per l’ultima settimana di febbraio. Maggiore dinamicità atmosferica e possibili interferenze d’aria fredda proveniente dal Circolo Polare Artico.

 

METEO A BREVE TERMINE

Il vortice di bassa pressione si svilupperà a inizio settimana, probabilmente tra il Mar Ligure e il Tirreno settentrionale. Coinvolgerà anzitutto le regioni di Nordovest, con nevicate che come detto potrebbero spingersi a bassissima quota. Poi scivolerà verso sud convogliando i fenomeni, localmente intensi, nelle tirreniche e tra le due Isole Maggiori.

 

Per un miglioramento occorrerà attendere la seconda metà della prossima settimana, momento in cui si riaffaccerà l’Alta Pressione. Avremo un deciso aumento delle temperature e splenderà il sole, ovunque.

 

METEO A MEDIO E LUNGO TERMINE

L’Alta Pressione sarà collocata tra la Penisola Iberica e le nostre regioni, tuttavia alcuni centri di calcolo internazionali ipotizzano maggiore dinamicità atmosferica con intrusione d’aria relativamente fredda sul nord Paese. Probabile un maggiore coinvolgimento delle adriatiche e del Sud, ma non possiamo escludere che il freddo – verso fine mese – sia in grado di estendersi anche più a ovest.

 

IN CONCLUSIONE

Novità che potrebbero dar luogo a qualche peggioramento di stampo invernale, l’ipotesi alternativa – ovviamente – resta quella anticiclonica.

Exit mobile version