Tsunami, anche in Italia ed il Mediterraneo sono a rischio altissimo di evento devastante

 

L’UNESCO ha presentato il rapporto sul rischio tsunami nel Mediterraneo durante la conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani svolta a Lisbona dal 27 giugno al 1° luglio 2022. Il simposio ha evidenziato i rischi molto alti per alcune aree affacciate sul Mar Mediterraneo di subire gli effetti di uno tsunami.

 

Per la prevenzione dei rischi da tsunami, l’UNESCO ha lanciato il programma “tsunami-ready”, a cui hanno aderito cinque città campione: Marsiglia e Cannes in Francia, Alessandria d’Egitto, Istanbul in Turchia e Chipiona in Spagna

 

Secondo l’UNESCO, infatti, il rischio per alcune città, affacciate sul Mar Mediterraneo, di dover affrontare gi effetti di uno tsunami entro i prossimi 30 anni è altissimo, prossimo al 100%. Il programma mira a rendere consapevoli e preparate le comunità incluse nella sperimentazione.

 

Marsiglia, Alessandria d’Egitto e Istanbul sono le tre metropoli incluse nel programma che paiono più a rischio di imbattersi in un’onda di altezza superiore al metro entro i prossimi tre decenni. E lo scenario futuro potrebbe essere ancor più allarmante considerando l’innalzamento del livello del mare.

 

Il pericolo tsunami è poco avvertito nel Mediterraneo, a differenza di quanto avviene nelle comunità degli oceani Pacifico e Oceano Indiano, più avvezze a questi fenomeni. Manca quindi, nelle comunità mediterranee, la consapevolezza di un rischio che potrebbe diventare reale e che è sottovalutato. A seguito dei grandi tsunami del 2004 (Indonesia) e del 2011 (Giappone) sono stati fatti grandi passi in avanti nella capacità di gestire questi eventi, ma restano delle lacune che il programma pilota dell’UNESCO cercherà di colmare.

Exit mobile version