logo tempoitalia

Meteo News - Focus Meteo

METEO fine MESE, i primi 40°C? Forte CALDO d’Africa, i dettagli

Un ulteriore cambiamento atmosferico è atteso verso il fine mese, quando aria calda proveniente dal Nordafrica potrebbe invadere tutta l'Europa occidentale sino alle isole britanniche, la Germania, l'Europa centrale e il sud della Scandinavia. Potrebbe essere investito anche il Centro Nord Italia, mentre il Sud, la Sicilia e forse anche parte della Sardegna, si troveranno interessate dei residui di un flusso d'aria fresca proveniente da nord-est.

In merito al Sud Italia e alla Sicilia, il flusso d'aria fredda dapprima menzionato, potrebbe arrecare un persistente e lungo periodo ideale per precipitazioni temporalesche, soprattutto termo convettive, ovvero i temporali che si formano nel pomeriggio nelle zone interne, per effetto del riscaldamento del suolo.

Riguardo l'ondata di calore, l'Italia sarà interessata marginalmente in quella parte di paese che non è soggetta a fare i record di calore nazionali. Difficilmente si raggiungeranno i 40° centigradi menzionati, in quanto la fase di caldo, se confermata, dovrebbe interessare la parte più settentrionale d'Italia, ma con anomalie climatiche probabilmente intorno ai 5-7° sopra la media. Tuttavia se la fase di caldo coinvolgesse anche i settori al sud del Po o la Toscana, ecco i 40° centigradi potrebbero non essere un miraggio.

In Val padana, anche a nord del Po, ad esempio si potrebbero raggiungere temperature fino a 35° centigradi, valori non da record, anche se rilevanti. Temperature superiori ai 35° centigradi si potrebbero raggiungere nel sud della Francia, dove l'ondata di calore assumerà caratteristiche di marcata entità.

Le previsioni a lungo termine tuttavia prospettano l'ondata di calore di cui parliamo, di breve durata, probabilmente 3-4 giorni, seguita da una serie di perturbazioni oceaniche che genererebbero forti temporali sull'Europa occidentale, e che nel seguito potrebbero raggiungere il Nord Italia, con ulteriori temporali anche intensi.

Continuiamo a osservare un periodo piuttosto variabile, anzi un'accentuazione di quei fattori del clima definiti di tipo continentale. Sovente chiamiamo queste condizioni meteo estremo, in quanto innescano una serie di fenomeni atmosferici particolarmente rilevanti. In pochi giorni si passa dal fresco con maltempo, al caldo e viceversa. I temporali assumono forte intensità, in alcune aree si scatenano generando una quantità eccezionale di fulmini.

Non ci pare di esagerare quando sosteniamo che in questa fase osserviamo una sorta di estremizzazione climatica. Una condizione comunque non inedita del tempo, in quanto anche in passato ci sono state situazioni meteo estreme. I cambiamenti climatici, probabilmente, accentuano la frequenza dei fenomeni atmosferici rilevanti, probabilmente anche l'intensità.

Federico De Michelis

19 giugno 2018 - ore 21:50

Cerca per tag: meteo estivo ondata di calore