logo tempoitalia

Meteo News - Editoriali

SUPER CALDO, convivenza con MASCHERINE a Maggio e Giugno. Vivere

Ormai sembra cosa certa: nella fase due dell'emergenza sanitaria conviveremo  con il virus. Vedremo la riapertura di alcune attività, avremo la concessione di uscire di casa, ma con delle limitazioni. Non conosciamo i dettagli, e non facciamo previsioni sul virus e le limitazioni che ci saranno per evitare impennate di aumenti dei contagi, ma sembra cosa certa che per stare fuori, dovremo usare la mascherina di protezione.

In questi giorni di aprile, con la temperatura pomeridiana che supera ormai agevolmente i 20°C, ho indossato la mascherina per 15 minuti per recarmi in farmacia. La sensazione che ho avuto non è stata piacevole. Innanzitutto, non essendo più abituato a stare all'aperto da molti giorni, tutto attorno mi è apparso innaturale, non sono riuscito ad apprezzare quel quarto d'ora di libertà in fondo come speravo, in quanto era evidente che nulla è come prima, che la normalità non c'è.

Il virus, il COVID-19. Quello che viene rappresentato ovunque come un piccolo mostriciattolo è invisibile all'occhio umano ci sta cambiando la vita, e nessuno di noi sa fino a che punto. Si fanno tante ipotesi, ma nessuno conoscere la reale evoluzione.

Mentre camminavo per strada sotto il sole d'aprile, sudavo, ma non potevo toccarmi il volto per un improvviso prurito, come da disposizioni. In effetti avevo toccato la maniglia del portone del palazzo, forse la ringhiera delle scale, avevo evitato l'ascensore dove una serie di cartelli non invogliano al suo utilizzo.
Sentivo uno sbarramento in volto che mi dava un calore crescente: era il  umido mio alito frenato dalla mascherina di protezione.

Le scorse settimane le temperature erano ben più basse e non ci avevo fatto caso, ma adesso, già con il caldo che fa la mascherina la sentivo fastidiosa. E ho pensato all'Estate che presto verrà, al vero caldo a ben oltre 30°C, poi a quello umido e afoso, persino asfissiante della mia città.

Ecco, già non sopporto il caldo estivo, quest'anno c'è il COVID-19, poi la mascherina... beh, la riflessione che faccio è "sto a casa al fresco, magari con il climatizzatore acceso, in attesa che tutto passi".

E' da oltre un mese che sto a casa, l'Estate di solito mi preoccupa, cerco di sfuggire recandomi quando posso in montagna. Ma quest'anno come saremo, cosa potremo fare.  Nel frattempo ho sentito che varie persone nella notte sono partite per il fine settimana di Pasqua, contravvenendo al vivere civile ed il rispetto. Pare che l'abbia fatto pure un medico. Ma vabbè, io starò a casa come indicato, niente mi potrà far uscire.

So che non potrò godere della luce esterna della primavera, i fiori, i prati, i profumi della bella stagione. Mentre l'Estate che verrà sarò costretto ad usare la mascherina.

Non voglio lamentarmi, assolutamente, penso a chi lavora negli ospedali e la deve indossare, ma sopratutto alle tantissime persone che stanno male di salute, che hanno la mascherina dell'ossigeno, o ancor peggio il casco. Che sofferenza sarà quella li.

Per tutti noi desidero un'Estate fresca, piovosa, grigia come alcuni anni fa, anche se ci dicono che invece farà caldo, che avremo tanta afa, che patiremo come ogni anno le ondate di calore.

Sembra di vivere un film di fantascienza che avevo visto molti anni fa su una pandemia. Anzi, questo è un incubo.

Ma allora ho deciso, starò a casa, aprirò la finestra per sentire il cinguettio degli uccelli, le voci nei vari palazzi del cortile. La vita è un prezioso dono, sconfiggeremo questo virus, e tutto tornerà come prima. No, non voglio pensare alla mascherina, al virus, alla pandemia.

LINK rapido alle PREVISIONI METEO dei capoluoghi di regione d'Italia, oppure vai su CERCA la tua località nel campo form in alto alla pagina:
- ANCONA

- AOSTA

- BARI

- BOLOGNA

- CAGLIARI

- CAMPOBASSO

- CATANZARO

- FIRENZE

- GENOVA

- L'AQUILA

- MILANO

- NAPOLI

- PALERMO

- PERUGIA

- POTENZA

- ROMA

- TORINO

- TRENTO

- TRIESTE

- VENEZIA

Federico De Michelis

9 aprile 2020 - ore 11:49

Cerca per tag: covid-19 emergenza sanitaria giugno 2020 maggio 2020 pandemia